Guida di Osnago 1980 – 2 parte

Villa Lucini-Arese

Con questo post riportiamo la seconda e ultima parte dei “Cenni storici” presenti nella guida di quell’anno.

“Benchè in parte notevole sia ormai moderna, con edifici a più piani che propongono schemi quasi cittadini – o di periferia cittadina – Osnago ha una storia antica quale borgo agricolo nel quale sorsero ville illustri.Informa Ignazio Cantù, presso la casa detta “delle streghe”, vennero “a gran splendore arse non poche femmine”: uno dei non rari interventi della cosidetta Santa Inquisizione per la quale i cattolicissimi fratelli Cantù nei loro scritti manifestarono una condiscendenza totale.

La villa più importante, perché eretta dal Richini nel ’600 e a suo tempo magnificamente arredata – oggi chi lo sa come sia all’interno?- è la Lucini-Arese; nella cappella sono notevoli gli affreschi dello Storer risalenti alla metà del XVII secolo.In questo palazzo fu certamente ospite Ugo Foscolo sconvolto da passione amorosa per l’impudica Antonietta Fagnani, sposa dal 1798 del conte Marco Lucini Arese. La relazione si trascinò dal 1801 al marzo 1802 quando il poeta, esacerbato dal comportamento della dama, si congedò con una lettera in cui le augurava “buona fortuna e migliore fama”.

Altre ville importanti di Osnago sono la De Capitani, di purissima linea neoclassica, affacciata su un parco ancora notevole, e la Galimberti anch’essa ottocentesca.”

L’anno dopo, nella Guida 1981 c’è stata da parte dei redattori delle pagine dei “Cenni storici”, una rettifica per una parte dell’articolo riguardante la villa Lucini-Arese.

“Prima di passare alla narrazione che seguirà, è doveroso da parte nostra fare una rettifica riguardante l’articolo pubblicato nella precedente Guida il quale a un certo punto citava questa frase : “La villa più importante, perché eretta dal Richini nel ’600 e a suo tempo magnificamente arredata – oggi chi lo sa come sia all’interno?- è la Lucini-Arese; nella cappella sono notevoli gli affreschi dello Storer risalenti alla metà del XVII secolo.” Ora bisogna precisare che l’articolo contenente questa frase, noi l’abbiamo copiato pari pari da una pubblicazione che ritenevamo autorevole fonte di notizie storiche, ed è quindi in perfetta buona fede che stampammo l’articolo in questione. Ma un fatto ci fece ricredere sulla veridicità dell’ “autorevole fonte” ed è questo: i conti Arese Lucini, che attualmente abitano ancora molti mesi dell’anno fra la comunità Osnaghese, leggendo l’articolo che riguardava la loro villa allibirono e ci chiesero spiegazioni per quanto pubblicato. A nostra discolpa per la frase quasi calunniosa “oggi chi lo sa come sia all’interno”, portammo il libro da cui copiammo l’articolo, scusandoci con i Sigg. Conti per quanto accaduto perchè effettivamente la Villa Arese è in splendide condizioni sia esterne che interne e la prova ce la diedero i legittimi proprietari invitando tutto il Comitato Fiera a visitarla ed il Conte Franco ci fece addirittura da cicerone.

Se da un lato siamo dispiaciuti per l’increscioso equivoco, dall’altra siamo molto soddisfatti di appurare che la Guida di Osnago è letta da tutta la comunità, ed un altro motivo di soddisfazione è constatare che in Osnago esiste una villa seicentesca veramente bella, tenuta in ottimo stato e curata in tutti i particolari da parte specialmente della signora Contessa alla quale rivolgiamo, unitamente al Sig. Conte, un caloroso ringraziamento per la cordiale ospitalià accordataci e per l’affettuosa disponibilità nei confronti del Comitato Fiera. Nella prossima edizione della Guida di Osnago, con l’aiuto del Sig. Conte, parleremo ampiamente della Villa Arese; dalla sua nascita ai giorni nostri.”

da Guida di Osnago 1981 pagg. 34 e 35.

 

Ricomposto l’”incidente diplomatico” e fatta giustizia sulla effettiva cura con cui i Conti Franco e Lisy Arese prima e i loro sucessori poi hanno saputo far arrivare fino a noi quel gioiello che rappresenta Villa Arese, effettivamente l’anno sucessivo si fece un bell’articolo su Villa Arese, con molte informazioni e dati sorici concessi dai sigg. Conti Arese.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.