Parco di Villa Arese

Il parco Arese

Giornata nuvolosa, quella del 16 Luglio 2011. Temistocle “Temi” Mutinelli mi ha dato appuntamento per una visita concordata da tempo al giardino di Casa Arese.Grazie alla cortesia dei Conti Arese ho la possibilità di descrivervi questo gioiello posto al centro del paese.

E’ veramente di una bellezza da togliere il fiato passeggiare in questo parco secolare. Si dipana davanti a me una meraviglia nascosta e si svela uno scrigno di bellezze naturali.

Temi, che conosce perché di professione cura anche questo giardino, mi indica un bellissimo cedro del Libano di 28 metri e circa 300 anni, vicino a un tiglio secolare della stessa altezza.Mi illustra le varie specie di piante secolari presenti: ippocastani, albero dei tulipani, catalpa, ailanto, acero del monte, cipresso di Lawson, quercia americana, solo per citarne qualcuno.

Passeggiando nel parco quello che si percepisce è il silenzio della “civiltà” e la vista non inquinata da manufatti umani, se non quando appare l’antica entrata del giardino o la facciata della villa dietro un angolo del sentiero che lo percorre per intero.

Temi mi parla della presenza di molti animali, tra cui allocchi, scoiattoli marroni, nibbi: mi parla della modalità del mantenimento del giardino, delle sue difficoltà, della nefanda moda della capitozzatura degli alberi (avete presente quegli alberi decapitati che ci tocca vedere a ogni primavera?), dell’erba del vasto prato che una volta veniva tagliata seguendo il ciclo del fieno (maggengo, agostano, terzuolo), dell’amore della contessa Lisy per questo giardino e per i suoi cani, a cui è dedicato un lenzuolo di terra per un piccolo cimitero.

C’è un senso di pace in questo luogo, una completa immersione nel verde che diventa un gioco cromatico stupendo (questo mi dice Temi) soprattutto in autunno, quando il giardino si trasforma attingendo a una tavolozza di colori.

Ci lasciamo con la promessa, sempre sperando nella gentilezza dei Conti Arese, di una visita del parco in altre stagioni, che ci permetterà di condividere ancora con voi la magia di questo luogo.

Catalpa

Particolare del sentiero

Cimitero dei cani

Il tiglio e il cedro del Libano

Particolare

Il vecchio ingresso al parco

Particolare

Lapide dedicata a un cane dei Conti Arese

Particolare

Particolare

Particolare

Fronde

Il "cannocchiale"

Particolare

Particolare

Particolare

 

 

Grazie a Temi e ai Conti Arese.

 

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Alberi. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.