Ricordi di scuola – 6 – Carla Sirtori

Osnago: 5a elementare (sconosciuto l'anno)

 

CARLA SIRTORI nata il 30 luglio 1928 ad Osnago

Quando andava a scuola lei si usava la cartella dentro cui si mettevano i quaderni, gli astucci, la penna col pennino e il calamaio. Le materie che lei ricorda sono: storia, geografia, italiano, matematica e ginnastica.

Se gli scolari non si comportavano bene, la maestra tirava loro le treccine o mandava dietro la lavagna. C’era un’unica bidella nella scuola, Stella e a volte veniva ad aiutarla suo marito.

Gli alunni indossavano un grembiule nero con il collettino bianco. La scuola cominciava a ottobre e finiva a maggio; le lezioni iniziavano alle 8,30 fino alle 12,00 poi riprendevano alle 14,00 e finivano alle 16.00.

Si stava a casa la domenica, il 24 maggio perché era la data dell’inizio della Prima Guerra mondiale, il Natale e la Pasqua. Si aveva timore del direttore e quando entrava in classe ci si alzava in piedi e lo si salutava alzando il braccio destro, perché si era nel periodo fascista.

Visto che Carla abitava nel palazzo della ex Coop, ogni giorno andava in stazione per accogliere la sua maestra, Jolanda Ranghieri, che arrivava con il treno da Milano, lei e i suoi compagni facevano la gara per chi doveva portare la borsa della maestra fino a scuola.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.